TEST DI IMMUNIZZAZIONE - COVID-19

TEST DI IMMUNIZZAZIONE - COVID-19
Mail: commerciale@coram.it
Orari
Segreteria: dal lunedì al venerdì dalle 07.00 alle 20.00 - Sabato dalle 07.00 alle 12.30

TEST SIEROLOGICI DI IMMUNIZZAZIONE PER IL COVID-19 PER I LAVORATORI DELLE AZIENDE

     

CHE COS'E' IL SARS-COV-2?

Il SARS-CoV2 è un virus appartenente alla famiglia dei Coronavirus, responsabile, nelle infezioni più gravi, della Sindrome Acuta severa delle vie respiratorie (Sars), conosciuta come COVID-19.

QUALI SONO I SINTOMI?

L’infezione da questo virus può comportare un’iniziale risposta immunitaria dell’ospite senza sviluppo di alcuna malattia (i soggetti risultano asintomatici, come accade nella grande maggioranza dei casi), oppure una reazione minima con sintomi quali

  • raffreddore;
  • mal di gola;
  • perdita della capacità di percepire odori;
  • in taluni casi, sintomi di interessamento del tratto intestinale (diarrea, nausea).

In una percentuale di casi l’infezione evolve in malattia più importante delle vie respiratorie più basse con sintomatologia quale tosse secca, respiro corto, senso di debolezza, e sintomi pseudo influenzali come dolori muscolari, possibili espressione di una polmonite interstiziale.

TEST SIEROLOGICI DI IMMUNIZZAZIONE

L’esecuzione dei test di immunizzazione da SARS-CoV-2 (responsabili della malattia COVID-19) può darci informazioni rilevanti sulla diffusione della malattia. L’analisi sarà basata sul numero dei lavoratori risultati positivi al Coronavirus e quanti possano essere stati i casi occulti, i casi asintomatici, che possono essere determinanti nell’espansione del contagio.

Questa analisi, inoltre, può risultare molto utile in ambito aziendale per modulare le misure protettive (anti-contagio), la sorveglianza attiva, l’individuazione precoce dei casi, il loro isolamento seguendo le adeguate procedure gestionali e di contenimento, e quindi importanti per limitare l’ulteriore diffusione del virus.

Da sottolineare che questi test permettono di ottenere un’immagine istantanea dello stato di immunizzazione del lavoratore aggiornata al momento dell’esecuzione degli stessi. Si segnala che non si esclude che la situazione individuata non possa subire variazioni nel periodo successivo all’effettuazione.

Va evidenziato che, nonostante l’elevata sensibilità e specificità dell’esame, questa metodica è gravata da un numero, seppur modesto, di falsi positivi e di falsi negativi.

MODALITÀ DI ESECUZIONE

Il test viene eseguito su una piccola quantità di siero ottenuto tramite prelievo venoso.

Non è necessario il digiuno; si consiglia tuttavia dieta leggera e priva di latticini; al momento non viene richiesta la sospensione dell’assunzione di farmaci abituali (si richiede comunque di segnalare all’operatore eventuali terapie in atto).

Il test è da considerarsi di screening con lo scopo di essere di ausilio nella diagnosi precoce di infezione o come conferma di avvenuto contatto con il virus SARS-CoV2, l’agente patogeno responsabile del COVID – 19.

RISULTATI

La negatività del test può implicare:

  1. che non c’è stata ancora una reazione di tipo anticorpale (che può evidenziarsi nei successivi dieci giorni in caso di avvenuta infezione)
  2. che non c’è stata ancora alcuna infezione

La positività del test implica che è avvenuto un contatto tra il virus e il nostro organismo (con o senza espressione sintomatica) e che, a seconda della presenza di IgM o IgG:

1. la risposta immunitaria è ancora in atto (presenza di sole IgM)

2. oppure pregressa (presenza di IgM e di IgG, o sole IgG).

Il risultato del test sarà consegnato al lavoratore ed al medico competente:

  • in caso di risultato negativo, sarà necessario sottoporsi ad ulteriori test sierologici periodici. I   risultati  negativi  del  test  non  possono  in  ogni  caso  sostituire  le  misure  di prevenzione  del  contagio  indicate  per  i  luoghi  di  lavoro/ambienti  di  vita  né  possono  costituire elemento  utilizzabile  ai  fini  della  espressione  di  giudizio  di  idoneità  alla  mansione  specifica, poiché il  test  non  può essere eseguito nell’ambito della sorveglianza sanitaria obbligatoria ai sensi del D. Lgs. 81/08 e che, pertanto, l’adesione allo screening è facoltativa previa acquisizione del consenso da parte del lavoratore.
  • in caso di positività:
    • il medico competente invierà la segnalazione al Dipartimento di Prevenzione territoriale
    • sarà necessario eseguire il tampone rino-orofaringeo, che potrà essere eseguito dal laboratorio della FRIULI CORAM S.r.l.;
    • il medico competente disporrà la sospensione dell’attività lavorativa;
    • il lavoratore dovrà sottoporsi a isolamento fiduciario domiciliare fino all’esito del tampone.
MANIFESTAZIONE DI INTERESSE

Di seguito il modello da compilare con la manifestazione di interesse ad effettuare, per i propri lavoratori, il test di immunizzazione per accertare l'eventuale contagio da parte del SARS-CoV-2. I test possono essere effettuati solo previo consenso da parte del lavoratore.

    

compila la manifestazione di interesse

Scarica l'informativa per il Datore di Lavoro sui test di immunizzazione Covid-19

PRENOTA ORA LA TUA VISITA